Print Friendly and PDF

NOSTALGIE DE ZENA NOSTALGIE DI GENOVA
Mario Capello Mario Capello
   

Zena mi te cantô in zeneize
e da zeneize amiandô in giô
pë sentì a têu vôxe
pë capite ô sentimentô ô têu respiô
ma nô te ciù ti, te sôlitaria
tûtta vôa e silensiôsa
ho zena se ti ghè ritôrna ancôn in pë
te sercô dôve të

Zena nô te ciù ti sûperba e bella
côi têu palassi e stradde in riva aô mä
nô ti risplendi ciù cômme inn’a stella
ho zena... ho zena bella
te sercô sempre amiandô in giô
ma nô te veddô, nô te sò trôva
a me casetta gianca ô vegiô niô
mai ciù a mente a te pôrià scôrdä

Sôn tôrnou là versô a Fôxe
pe rivedde a mæ casetta
la in scià riva ho sercoù a fôntann’a
c’ha bôttava l’ægôa fresca
sempre viva bella mæ casetta
che te vistô da zôentù i primmi affanni
ho Zena de san Pë
ritôrna ancôn in pè te sercô dôve të

Genova io ti canto in genovese
e da genovese guardando in giro
per sentire la tua voce
per capirti il sentimento il tuo respiro
ma non sei più te, sei solitaria
tutta vuota e silenziosa
ho Genova se ci sei ritorna ancora in piedi
ti cerco dove sei

Genova non sei più te superba e bella
con i tuoi palazzi e strade in riva al mare
non risplendi più come una stella
ho Genova ho Genova bella
ti cerco sempre guardando in giro
ma non ti vedo non ti so trovare
la mia casetta bianca il vecchio nido
mai più la mente ti potrà scordare

Sono tornato verso la Foce
per rivedere la mia casetta
là sulla riva ho cercato la fontana
che sgorgava acqua fresca
sempre viva bella mia casetta
per te ho visto da giovane i primi affanni
ho Genova di San Pietro
torna ancora in piedi ti cerco dove sei