Print Friendly and PDF

NETTINN'A ANNINA
Carbone - Bruschettini Carbone - Bruschettini
   

A lunn’a a se spegia in sciô mä
Nettinn’a l’è l’ôa de l’amö
n’a barca a và foa pe pescä
e a riva a te scangia de cü

In’tè case sê sêra i barcôin
a nanna và a fäla i figgiêu
n’ta barca gh’ò missô in cuscin
de baxi gh’ò pin za ô me chêu

e porta stasseia ô sciallettô
che a veia a l’è gônfia de ventô
te veddô arrembà lì a-ô trinchettô
Nettinn’a t’e ô me grande tôrmentô

Assendô là in simma a lampetta
‘na nuvia a fa zà da tendinn’a
t’aspetô sciù vegni, ä barchetta
côntenta tranquilla a sè ninn’a
De stelle lasciù gh’è za pin
arrembà Nettinn’a a-ô barcôn
asmorta adaxettô ô lummin
mi restô ancuôn chì de piantôn

Nô dilô mancô ai vixin
e mancô a tô barba Gaitan
turniemô in të l’ôa da mattin
tegnindôse streiti pë man

La luna si specchia sul mare
Anna è l’ora dell’amore
una barca va fuori a pescare
e la riva ti scambia di colore

Nelle case si chiudono le finestre
la nanna vanno a farla i bambini
nella barca ho messo un cuscino
di baci ho già pieno il mio cuore

E porta, questa sera lo scialle
che la vela è gonfia di vento
ti vedo appoggiata al trinchetto
Anna sei il mio gran tormento

Accendo là in cima il lume
una nuvola fa già da tendina
ti aspetto su vieni, la barchetta,
contenta tranquilla si dondola
Di stelle lassù vi è già pieno
socchiudi Anna la finestra
spegni pian piano il lume
io resto ancora qua di piantone

Non dirlo nemmeno ai vicini
e nemmeno a tuo zio Gaetano
torneremo nell’ora del mattino
tenendoci stretti per mano