Print Friendly and PDF

MOÆ LUN-NA MADRE LUNA
Giorgio Gennaro Giorgio Gennaro
   

Oh lun-na che ti spunti meza ascosa
da-e nuvje che lasciù van de premùa.
Che ti brilli in to çe, bella e segùa
te ved-do com-me ti fisci un-na moæ
a moæ che n’ho posciùo amjà in ti euggi
a moæ che in te so brasse a m’ha tegnùo
solo un momento quello dell’addio
pe poi vegnì lasciù…lasciù con ti!

Lun-na bella che ti splendi
da-o barcon da mæ cüxin-na
ti me paggi a Madonnin-na
e t’e bella com-me o sô.
T’e l’immagine splendente
dell’affetto che n’ho avùo
foscia ti me perdoniæ
lascia che te ciam-me moæ.

In te mæ neutte tristi e solitaje
te sempre un-na presenza dominante
un-na’amiga, un-na compagna importante
ca rende ben segùo o mæ cammin.
Pe questo mi te prego lun-na caa
No t’ascordà de quello che t’ho dito
mantegnite in to coeu questo segreto
me piaxe cred-de che te ti mae moæ!

Oh luna che spunti mezza nascosta
dalle nuvole che lassù vanno di fretta.
Che brilli in cielo, bella e sicura
ti vedo come fossi una madre
la madre che non ho potuto guardare negli occhi
la madre che nelle sue braccia mi ha tenuto
solo un momento, quello dell’addio
per poi venire lassù...lassù con te!

Luna bella che risplendi
dalla finestra della mia cucina
mi sembri la Madonnina
e sei bella come il sole.
Sei l’immagine splendente
dell’affetto che non ho avuto
forse mi perdonerai
lascia che ti chiami madre.

Nelle mie notti tristi e solitarie
sei sempre una presenza dominante
un’amica, una compagna importante
che rende ben sicuro il mio camino.
Per questo io ti prego luna cara
non ti dimenticare di quello che ti ho detto
mantieniti nel cuore questo segreto
mi piace credere che sei tu mia madre.