Print Friendly and PDF

ME DIXEIVA MÆ NONNA MI DICEVA MIA NONNA
Anonimo Anonimo
   

Me dixeiva ‘na votta mæ nonna
Mentre a stava sciôsciandô in to fêogô
Se ti piggi môggè in primmu lêogô
Ch’a nô sacce parla ô latin

Ch’a nô l’agge a vôxe da ommô
Ch’a nô l’agge e ciglie cônzunte
Ch’a nô l’agge ô nasô a dôe punte
Ch’a nô l’agge ô mentô sc-ciappoü

Ch’a nô stagghe cô-e brasse cônserte
Ch’a raxiôn-ne c’ôn in po de çervellô
Ch’a manezze côn gaibô ô cannellô
Ch’a nô digghe de lôngô a veitæ

Ch’a nô pense d’anà sempre in giô
A fa i ciæti cô-a rosa e co-a texô
S’a s’intende de pestô ancôn megiô
Ch’a prepare dô bôn menestrôn

Ch’a prepare dô bôn menestrôn

Mi diceva una volta mia nonna
mentre stava soffiando nel fuoco
se prendi maglie la prima cosa
che non sappia parlare latino

Che non abbia la voce da uomo
che non abbia le ciglia congiunte
che non abbia il naso a due punte
che non abbia il mento spaccato

Che non stia con le braccia intrecciate
che ragioni con un po di cervello
che maneggi con cura il mattarello
che non dica sempre la verità

Che non pensi di andare sempre in giro
a far chiacchiericcio con la Rosa e con la Teresa
se si intende di pesto ancora meglio
che prepari del buon minestrone

Che prepari del buon minestrone