Print Friendly and PDF

LÈVITE DE PUÌ LEVATI DI QUI
Bozzo - Dodero Bozzo - Dodero
   

Paradisô sensa angei
Ô n’infernô sensa diaô
Ô se ô vin anchêu ô l’è caô
Ne bevemmô ancôn de ciü

Lèvite de puì che ti me fæ umbra
Nô me sappetà questa bella erbetta
Lascime sentì prôfummä a viôvetta
Lèvite de puì che ti me crêôvi ô sü

Ä giustissia e a-ô bôn sensô
Ghemmô fætô ô funerale
Mà sè lëze in sciù giôrnale
Che va sempre tuttô ben!

Lèvite de puì che ti me fæ umbra
Nô me sappetà questa bella erbetta
Lascime sentì prôfummä a viôvetta
Lèvite de puì che ti me crêôvi ô sü

E mettiemô fiôri a-e armi
Se ghe mettan anche i ätri
Perché a fa-alô sôlô niâtri
A saieiva da minciôin

Lèvite de puì che ti me fæ umbra
Nô me sappetà questa bella erbetta
Lascime sentì prôfummä a viôvetta
Lèvite de puì che ti me crêôvi ô sü

Paradiso senza angeli
o l’inferno senza diavoli
o se il vino oggi è caro
ne beviamo ancor di più

Levati davanti che mi fai ombra
non mi calpestare questa bella erbetta
lasciami sentire profumare la violetta
levati davanti che mi copri il sole

Alla giustizia e al buonsenso
abbiamo fatto il funerale
ma si legge sul giornale
che va sempre tutto bene

Levati davanti che mi fai ombra
non mi calpestare questa bella erbetta
lasciami sentire profumare la violetta
levati davanti che mi copri il sole

E metteremo fiori alle armi
se li mettono anche gli altri
perché farlo solo noialtri
sarebbe da minchioni

Levati davanti che mi fai ombra
non mi calpestare questa bella erbetta
lasciami sentire profumare la violetta
levati davanti che mi copri il sole