Print Friendly and PDF

L'È NATALE È NATALE
Bozzo - Dodero Bozzo - Dodero
   

In ciassa Deferrari
gh’è zà l’ærbô de pin
co-e sfere variopinte
co-e stelle co-i festôin

L’è cômme dì a-i zeneixi:
Côraggiô çittadin
l’è tempô de sentise
ciù amixi e ciù vixin

L’è natale battaggia e campann’e
Cori d’Angei se sente cantà
e in ti boschi in scï mônti e pe-ciann’e
gh’è a gran paxe da tutti aspetà

Tuttô ô çë ô l’è gremiô de stelle
nêutte freida ma cada d’amö
Tutte e cose diventan ciù belle
se in tô chêu brille in raggiô de sü

Natali d’un tempô
se anchêu mi ve pensô
Caignan e San Loensô
risentô sunnà

E ancôn cômme allôa
riveddô là in âtô
ô Santô Neônatô
de sôrvia l’artà

Dappertuttô gh’è festa e allegria
e in ta luxe dô çë ciù seren
se ghe sente unn’a dôce armônia
cômme augûriô de voèise ciù ben

Purtroppô a questô môndô
besêugna dì a veitæ
che famme crisi e guære
ancôn nô sôn cessæ

Pe questô ô nostrô augûriô
che femmô côn pasciôn
o l’è de poeì dì ô giustô
cantandô stà cansôn

In piazza De Ferrari
c’è già l’albero di pino
con le sfere variopinte
con le stelle con i festoni

E’ come dire ai genovesi
coraggio cittadini
è tempo di sentirsi
più amici e più vicini

E’ Natale sbatacchiano le campane
cori di angeli si sentono cantare
e nei boschi sui monti e nei piani
c’è la gran pace da tutti aspettata

Tutto il cielo è gremito di stelle
notte fredda ma calda d’amore
tutte le cose diventano più belle
se nel cuore brilla un raggio di sole

Natali d’un tempo
se oggi io vi penso
Carignano e San Lorenzo
risento suonare

E ancora come allora
rivedo là in alto
il Santo Neonato
sopra l’altare

Dappertutto c’è festa e allegria
nella luce del cielo più sereno
si sente una dolce armonia
come augurio di volersi più bene

Purtroppo a questo mondo
bisogna dir la verità
che fame crisi e guerre
ancora non sono cessate

Per questo il nostro augurio
che facciamo con passione
è di poter dire il giusto
cantando questa canzone