Print Friendly and PDF

L'ALBA L'ALBA
Bozzo - Dodero Bozzo - Dodero
   

Un pallido barlumme là n’scià rûa
O mette fin a nôtte funda e scûa
L’è l’öa che s’asmortan tutte e stelle
L’è l’öa che s’assonnan tutte e belle

A l’alba
Lenta e lontann’a
Sonn’a a campann’a
Di cappuçin

Un fresco vento morbido
O porta quella muxica
Ch’a vegne a dâ o bungiürno
Intrando dai barcüin

Adaxo
Da-o munte Moü
Luxente d’oü
Se leva o sü

Tutto sà de miracôlo
O çë o l’è azzurro e limpido
E in mezo a questa scena
In mä se spegia Zena

Un pallido barlume là sulla Ruta
mette fine alla notte fonda e scura
è l’ora che si spengono tutte le stelle
è l’ora che sognano tutte le belle

All'alba
lenta e lontana
suona la campana
dei cappuccini

Un fresco vento morbido
porta quella musica
che viene a dare il buongiorno
entrando dalle finestre

Piano
dal monte Moro
lucente d'oro
si alza il sole

Tutto sa di miracolo
il cielo è azzurro e limpido
e in mezzo a questa scena
sul mare si specchia Genova