Print Friendly and PDF

IN SCÎO MÄ DE BOCCADÄSE SUL MARE DI BOCCADASSE
Bozzo - Dodero Bozzo - Dodero
   

Gallinn’e in scî gussi
Pescoei co-a pipetta
Antîga spiaggetta
De pochi rissêo

Profummo d’arzilio
Fra tremagi e remme
Risate e giastemme
E... Paxe in ti chêu

In sciû mä de Boccadäse
L’é nasciûo o nostro amö
Lazzù in fondo gh’ea è case
Co-i barcoin averti ao sü

Mi mollâvo e remme in bando
Drento l’ægoa trasparente
Pe vegnite ciù darente
E poi strenzite in pitin

E voxi di bagnanti
In te quêlla fin dê zûgno
Ëan zà ben ben distanti
Pë da noia ao nostro amö

Barchezzavimo contenti
Arrostindo sotta o sü
E con tutti i sentimenti
S’imbriegavimo d’amö

In gusso che parte
In atro che arriva
E- a gente lì a riva
Pe vedde “o bottin”

Pescata magretta:
Tre scorpene, in loaso
E n’ommo descaso
Co-i pe pin de zin

In sciû mä de Boccadäse
L’é nasciûo o nostro amö
Lazzù in fondo gh’ea è case
Co-i barcoin averti ao sü

Mi mollâvo e remme in bando
Drento l’ægoa trasparente
Pe vegnite ciù darente
E poi strenzite in pitin

Galline sui gozzi
pescatori con la pipetta
antica spiaggetta
di pochi ciottoli

Profumo squisito di mare
fra tremagli e remi
risate e bestemmie
e pace nei cuori

Sul mare di Boccadasse
è nato il nostro amore
laggiù in fondo c’erano delle case
con le finestre aperte al sole

Io lasciavo i remi in bando
dentro l’acqua trasparente
per venirti più vicino
e poi stringerti un pochino

Le voci dei bagnanti
in quella fine di giugno
erano già molto distanti
per dar noia al nostro amore

Barcheggiavamo contenti
arrostendo sotto il sole
e con tutti i sentimenti
ci ubriacavamo d’amore

Un gozzo che parte
un altro che arriva
e la gente lì a riva
per vedere il pescato

Pescata magrolina
tre scorfani e un cefalo
e un uomo scalzo
con i piedi pieni di spine di ricci

Sul mare di Boccadasse
è nato il nostro amore
laggiù in fondo c’erano delle case
con le finestre aperte al sole

Io lasciavo i remi in bando
dentro l’acqua trasparente
per venirti più vicino
e poi stringerti un pochino