Print Friendly and PDF

I DRAPPI (TRALALLERO ANTIGO) I PANNI (TRALALLERO ANTICO)
Anonimo Anonimo
   

In tu destende i drappi
Bella marinin v’e cheitu a canna
U l’è u furnâ ch’oua ciamma
U l’è u furnâ ch’oua ciamma
In tu destende i drappi
Bella marinin v’e cheitu a canna
U l’è u furnâ ch’oua ciamm
Marinin vegni a fâ u pan

E dai e dai e dai
Marinin che vitta tutta guai
Dinæ nu ghe ne mai
Dinæ nu ghe ne mai
E dai e dai e dai
Marinin che vitta tutta guai
Dinæ nu ghe ne mai
No se sà ciù comme fâ!

Amiæ che piæ
Amiæ che piæ
Çinque pe ‘na palanca
Çinque pe ‘na palanca
Amiæ che piæ
Amiæ che piæ
Çinque pe ‘na palanca
Sun cäde e ben paghë

E nello stendere i panni
bella Maria v’è caduta la canna
è il fornaio che la chiama
è il fornaio che la chiama
e nello stendere i panni
bella Maria v’è caduta la canna
è il fornaio che la chiama
Maria vieni a fare il pane

E dai e dai e dai
Maria che vita tutta guai
soldi non c’è nè mai
soldi non c’è nè mai
E dai e dai e dai
Maria che vita tutta guai
soldi non c’è nè mai
non si sa più come far

Guardate che pelate
guardate che pelate
cinque per un soldo
cinque per un soldo
Guardate che pelate
guardate che pelate
cinque per un soldo
sono calde e ben pagate