Print Friendly and PDF

GH'Ò I PESCI VIVI DONNE HO I PESCI VIVI DONNE
Bozzo Bozzo
   

Côn a corbetta in bilicô in scià testa
arriva “Ô neigrô” descäsô da Camôggi
Remescia i pesci stivæ drentô in ta çesta
insemme ä bansa ch’a pä un pôrpô strappassôu

Gh’e in pö de tûttô lì sôtta a quellô saccô
tûtt’inssûppôu da ciù limpida ægôa sä
Ô neigrô ô passa sbraggiandô in mëzô a-e case
e tante donne s’accosta pë accattà

Gh’ò i pesci vivi donne!
sôn da bôggï e da frizze..
Da mette in scia grixella
e ascì pë fä ô ciuppin!!

Ma amiæ che roba donne...
gh’è chì l’argentô vivô
Anchêu vë daggô a prexiô
di belli môscardin

Bôghe, laxerti, anciôe
da impive l’arbanëlla
L’emmô tiè sciù stanêutte
davanti a Portôfin

A mezôgiôrnô gh’è è poèle in scì fôrnelli...
chi s’impe ô tian de sardenn’e cô-e patatte
chi invece bôgge di mûscôli o naselli
e ûn bôn prôfummô se diffônde in ta bôrgà

Poi l’ davanti a quellô ben de Diô
arriva i ommi che vegnan da lòuä
e se gh’abbuffan collandô zù d’asbriô
poi benedisciàn ô pescòu e ô nostrô mä

Gh’ò i pesci vivi donne!
sôn da bôggï e da frizze..
Da mette in scia grixella
e ascì pë fä ô ciuppin!!

Ma amiæ che roba donne...
gh’è chì l’argentô vivô
Anchêu vë daggô a prexiô
di belli môscardin

Bôghe, laxerti, anciôe
da impive l’arbanëlla
L’emmô tiè sciù stanêutte
davanti a Portôfin

Con la cesta in bilico sulla testa
arriva “il Nero” scalzo da Camogli
rimesta i pesci stivati dentro la cesta
con la bilancia che sembra un polpo strapazzato

C’è un pò di tutto sotto quel sacco
tutto inzuppato della più limpida acqua salata
“Il Nero” passa gridando in mezzo alle case
e tante donne si avvicinano a comprare

Ho i pesci vivi donne
son da bollire e da friggere
da mettere sulla graticola
e anche per fare intingolo

Ma guardate che roba donne
qui c’è l’argento vivo
oggi vi dico il prezzo
di bei moscardini

Bughe, sgombri, acciughe
da riempirvi l’albanella
li abbiamo pescati tutti stanotte
davanti a Portofino

A mezzogiorno ci son le padelle sui fornelli
chi si riempe il tegame di sardine e patate
chi invece bolle i muscoli e naselli
e un buon profumo si diffonde in borgata

Poi davanti a quel ben di Dio
arrivano gli uomini che vengono dal lavoro
e si abbuffano ingoiando alla svelta
poi benedicono il pescatore e il nostro mare

Ho i pesci vivi donne
son da bollire e da friggere
da mettere sulla graticola
e anche per fare intingolo

Ma guardate che roba donne
qui c’è l’argento vivo
oggi vi dico il prezzo
di bei moscardini

Bughe, sgombri, acciughe
da riempirvi l’albanella
li abbiamo pescati tutti stanotte
davanti a Portofino