Print Friendly and PDF

FESTA A BOCCADÄSE FESTA A BOCCADASSE
Del Corso - Anselmi Del Corso - Anselmi
   

L’è giôrnô de festa
riflessi e scintille
allegri ghe a Mille
delfin in sciô mä
N’a barca cà giä
lasciandô n’a sciä
a l’è tûtta poexiä
ch’a l’invitta a cantä

Boccadäse, da tæra n’a cresta
vixin a sô costa
in tô mezô a s’incastra

Boccadäse, cô sü ch’ô t’infesta
pittôi nô ne existe
côlôri che baste

Boccadäse, t’è in quaddrô vivente
che all’anima ô canta
ch’ô vibbra e ch’ô sente

Boccadäse vorrieva piggiate
streita tegnite
in t’è n’ûrna pösate

Duì zôeni se baxian
tra i tremagi e nasse
aô largô e barcasse
se sentan fischià

Derè a n’a miûaggia
gh’è n’incantô de spiaggia
a l’è prônta n’a toägia
ch’à l’è profumà

Boccadäse dônde t’ë
Boccadäse dô më chêu

E' giorno di festa
riflessi e scintille
allegri ci sono a Mille
delfini sul mare
Una barca che gira
lasciando una scia
è tutta poesia
che invita a cantare

Boccadasse, della terra una cresta
vicino alla sua costa
nel mezzo si incastra

Boccadasse, con il sole che ti riempie
pittori, non esistono
colori che bastino

Boccadasse, sei un quadro vivente
che all'anima canta
che vibra e che sente

Boccadasse vorrei prenderti
stretta tenerti
dentro ad un'urna posarti

Due giovani si baciano
fra i tramagli e le nasse
al largo i rimorchiatori
si sentono fischiare

Dietro ad una muraglia
c'è un incanto di spiaggia
è pronta una tovaglia
che è profumata

Boccadasse dove sei
Boccadasse del mio cuore