Print Friendly and PDF

AI TRÊUGGI DË SANTA BRIGIDA AI TROGOLI DI SANTA BRIGIDA
Carbone - Margutti Carbone - Margutti
   

A drïta dë via Balbi partendô dä staziôn
gh’è n’a scainà dë schêuggio, gh’è sempre confôxiôn
gh’en che sbattan drappi, e crian in côntinôaziôn:
andè ciù in là sciarbella,
ste fermô battigiôn

Ai trêuggi dë Santa Brigida, pattæli e piccagette
lensêu e camixette, scösê côn de piccagge
ô bassï côn dôì rôtôndi, pë poeì tegnilô imbösô
faxêu bagnë dë cöu-sciô e çeixei in scë tagge

Vixinn’a stë in pö attenta, mæ stissa in sciô barcôn
e vôì së v’arretiesci, stë l’ì aspetä ô latôn
lascëme stende e strassë, vegnï in pö chì bancâ
dëme n’a man bûgaixe,
sè me mettô a cantä

Ai trêuggi dë Santa Brigida, scappin, braghe, cäsette
gh’è a dï do-trë fôdrette, gh’è a dï dell’atrô appeisô
dorme acqûegà inn’a gatta, dôv’eì arragioù Leitussa
e l’ortô dô Scagiûssa, ô pä in strassôn desteizô

Fôresti gh’è chì arriva, pë vedde a raritæ
pôeì fæli giâ in carossa, pôeì fæli giâ in çittæ
ma lù nô sôn côntenti, fin’che nô l’ei pôrtë
in mezô a quelle strasse,
aô môndô rinômë

Ai trêuggi dë Santa Brigida, pôei fä di monûmenti
criâ ai quattrô venti, che Zena a l’è in pôrtentô
ma së ti trêui tant’anima, dô popôlô zeneize
in mezô a-e tagge teise
gh’è sempre in chêu côntentô

Sulla destra di Via Balbi partendo dalla stazione
c'è una scalinata di pietra, vi è sempre confusione
c'è chi sbatte i panni, e grida in continuazione:
fatevi più in là sciacquetta,
stia fermo perdigiorno

Ai trogoli di Santa Brigida, pannolini e piccoli strofinacci
lenzuola e camicette, grembiuli con gli strofinacci
la bacinella con due spessori per poterla tenere inclinata
fagioli bagnati di cavolfiore e ceci sulle distendiere

Vicina stia un po' attenta, mi sgocciola sul balcone
e voi se vi ritiraste, rimanete li ad aspettare il lattoniere
lasciatemi stendere gli stracci, venga un po' qui falegname
mi dia una mano lavandaie,
se inizio a cantare

Ai trogoli di Santa Brigida, calzini, pantaloni, calzette
ci sono due o tre foderette, c'è dell'altro appeso
dorme coricata una gatta, dove eravate arrabbiato Leitussa
e l'orto di Scagiussa sembra un vecchio straccio disteso

Ci sono forestieri che vengono per vedere le cose rare
potete farli girare in carrozza, potete farli girare in città
ma loro non sono contenti finché non li avrete portati
in mezzo a quegli stracci
rinomati in tutto il mondo

Ai trogoli di Santa Brigida potete costruire dei monumenti
gridare ai quattro venti che Genova è un portento
ma se trovi tanta anima del popolo genovese
in mezzo ai panni stesi
c'è sempre un cuore contento