Print Friendly and PDF

ÄIA DE BÖSCÔ ARIA DI BOSCO
Marcenaro Marcenaro
   

Un timidô raggiô de sü
ô riesce a stentô a passä
tra e ramme e foggie de n’erbô
e-a tæra ô fà profumä

Faxendô cian cian sôllevä
un fioccô de nëgia leggera
a-ô veì de n’a spôsa ô fà sômeggià
quande in t’e l’aia ô se perde

Ô nêuvô giôrnô ô stà nascendô e
chì in tô böscô mì ô staggô vivendô
pensandô a-i fummi che gh’è in çittæ
quest’äia respiô côn ciù avviditæ

L‘unicô fô in’avia scen’in fiôre
e-ô rianellô che in paxe ô scôre
a gran çittæ veddô la in fôndô
ma chi in tô böscô ô l’è n’atrô môndô

Un sêunnô lôntan de campann’a
m’invita a casa a tôrnä
l’è l’ôa de l’Ave Maria
fòscia me stan zä-spetä

Repiggiô ô sentè canticchiandô
in fï d’erba in bôcca me mettô
ô baccô che ho in man, me demou a fa giä
me sentô ancôn garzônettô

Un timido raggio di sole
riesce a stento a passare
tra i rami e le foglie di un albero
e fa profumare la terra

Facendo pian piano solleva
un fiocco di nebbia leggera
lo fa somigliare al velo di una sposa
quando si perde nell'aria

Il nuovo giorno sta nascendo e
qui nel bosco io lo sto vivendo
pensando allo smog che c'è in città
respiro quest'aria con più avidità

L'unico rumore un'ape su un fiore
e il piccolo rivo che scorre in pace
la gran città vedo là in fondo
ma qui nel bosco è un altro mondo

Un suono lontano di campana
m'invita a tornare a casa
è l'ora dell'Ave aria
forse mi stanno già aspettando

Riprendo il sentiero canticchiando
un filo d'erba in bocca mi metto
il bastone che ho in mano gioco a far girare
mi sento ancora ragazzino