Print Friendly and PDF

CANSÔN D'ARVÏ CANZONE DI APRILE
Carbone - Margutti Carbone - Margutti
   

Cose a l’è quest’arbaxia
ch’emmô addossô e che ne piggia
e a ne mette a frenexia
cômme a gatta da scià Giggia?

A l’è questa aietta ardìa
che Arvì ô se porta accostô
pä ch’a digghe: Al’è finiä
a stagiôn dô cadarostô

Arvì Arvì
Arv’ì tûtti i barcôin
ve portô questa seia
l’odü da primmaveia
Ve portô un xêuô de pasoe
due brocche de viôvette
de nêuve cansônette
c’ôn pò de prezumì

Via i lensêu, a maggia drûa
ven in mente e scampagnate
Sturla, Quartô, Recco, a Rûa
te ven vêuggia de affrettate

Pä che o sangue ô ne fôrmigôe
drentô a-e venn’e cômme a-e gritte
e pë crêuze e margheritte
Incominsa a spôntà e brigôe

Barbasciôscia questô meize
sôttô e grônde ô mette ô niô
Tûttô ô môndô ô l’è in preteize
ciù nisciun resta abessiô

Miæ vexinn’a, femmô paxe
gh’o ô mæ chêu ch’o l’à ô sôbrillô
Më prestæ un po de bôraxe?
vêuggiô fà i raviêu pë ô Lillô

Arvì Arvì
Arv’ì tûtti i barcôin
ve portô questa seia
l’odü da primmaveia
Ve portô un xêuô de pasoe
due brocche de viôvette
de nêuve cansônette
c’ôn pò de prezumì

Cos’è questa brezza
che abbiamo addosso e che ci prende
che ci mette la frenesia
come la gatta della signora Giggia?

E’ questa arietta ardita
che Aprile si porta appresso
sembra che dica è finita
la stagione del caldarrostaio

Aprite Aprite
aprite tutte le finestre
vi porto questa sera
l’odore della primavera
Vi porto un volo di passeri
due brocche di violette
delle nuove canzonette
con un po’ di presunzione

Via i lenzuoli a maglia spessa
vengono in mente le scampagnate
Sturla, Quarto, Recco e Ruta
ti vien voglia di affrettarti

Sembra che il sangue ci formicoli
dentro le vene come le gritte
e per i viottoli le margherite
incominciano a spuntare le bolle

La rondine questo mese
sotto le grondaie mette il nido
tutto il mondo è in pretensione
più nessuno resta intirizzito

Guardate vicina, facciamo la pace
ho il cuore che ha il palpito
mi prestate un pò di boraggine?
voglio fare i ravioli per Lillo

Aprite Aprite
aprite tutte le finestre
vi porto questa sera
l’odore della primavera
Vi porto un volo di passeri
due brocche di violette
delle nuove canzonette
con un po’ di presunzione