Print Friendly and PDF

BOCCADÄSE BOCCADASSE
Anonimo Anonimo
   

Quande in scio fâ da seja
l’ajetta a se fa finn-a
e cobbie lì ’n ta spiägia
ghe fan l’amö in sordinn-a.
Açendan e lampare
che fan o ciaeo lasciù
pe däse un baxo a-o scùo
e voéise ben de ciù.

Boccadäse ti è arestâ
solo ti comme ’na votta
ghe vegnëmo a fä ribotta
ghe vegnëmo a fä ribotta
Boccadäse ti è arestâ
solo ti comme ’na votta
ghe vegnëmo a fä ribotta
ghe vegnëmo a barchezä.

Quande gh’é o ciaeo de lunn-a
tutti van a pescâ
co-i trémaxi e e lampare
lazù d’in fondo a-o mâ.
E a l’alba fan ritorno
é stanchi de pescâ
ringrasian a Madonna
che a l’à salvae da-o mâ.

Boccadäse ti è arestâ
solo ti comme ’na votta
ghe vegnëmo a fä ribotta
ghe vegnëmo a fä ribotta
Boccadäse ti è arestâ
solo ti comme ’na votta
ghe vegnëmo a fä ribotta
ghe vegnëmo a barchezä

Quando sul far della sera
l’arietta si fa fina
le coppie sulla spiaggia
vi fan l’amore in sordina
accendono le lampare
che fanno chiaro lassù
per darsi un bacio al buio
e volersi bene di più

Boccadasse sei rimasta
solo te come una volta
ci verremo a far baldoria
ci verremo a far baldoria
Boccadasse sei rimasta
solo te come una volta
ci verremo a far baldoria
ci verremo a barcheggiar

Quando c’è il chiaro di luna
tutti vanno a pescare
con i tremagli e le lampare
laggiù in fondo al mare
e all’alba fan ritorno
e stanchi di pescare
ringraziano la Madonna
che la salvati in mare

Boccadasse sei rimasta
solo te come una volta
ci verremo a far baldoria
ci verremo a far baldoria
Boccadasse sei rimasta
solo te come una volta
ci verremo a far baldoria
ci verremo a barcheggiar