Print Friendly and PDF

BARCÔN CÔ LUXË FINESTRA CHE RISPLENDE
Anonimo Anonimo
   

Vegni Eugenia te a reginn’a
sulu ti questo momento
a l’è a teu tutta sta radda
e o l’è ou teu chi o firmamento

Quande a lunn’a a sta a spegiase
in to see de Boccadase
dappertutto brilla argento
scu in scu ma e zù in te case

E’ l’è allua che l’ in ta geugna
cun i barcuin faeti all’antiga
cun i vedretti tagge e quaddri
inciungè in duppia riga

E u strazzunze tutte e unde
quande semmo in lunn’a pinn’a
eo diventa per incanto
o barcon dell’allegria

Vegni Eugenia te a reginn’a
sulu ti questo momento
a l’è a teu tutta sta radda
e o l’è ou teu chi o firmamento

Dormi,dormi

Vieni o Eugenia sei la regina
solo te questo momento
è la tua tutta questa rada
ed è tuo qui il firmamento

Quando la luna sta a specchiarsi
nel cielo di Boccadasse
dappertutto brilla argento
là sul mare e giu nelle case

Ed è allora che li nella gogna
con le finestre fatte all'antica
con i vetri tagliati a quadri
piombati a doppia riga

E unisce tutte le onde
quando siamo in luna piena
e diventa per incanto
la finestra dell'allegria

Vieni o Eugenia sei la regina
solo te questo momento
è la tua tutta questa rada
ed è tuo qui il firmamento

Dormi dormi