Print Friendly and PDF

A STOIA DÔ NÔVANTENÊUVE LA STORIA DEL NOVANTANOVE
Bozzo - Dodero Bozzo - Dodero
   

In tô lôntan nêuveçentôdisette
ô gran Cadôrna ô ciammava sta classe
ô l’aveiva cûxiô quellô gran sette
ch’avievan fætô nemighe e magnasse
Gh’êan de quelli che poèivan passà
ma n’a parte a n’arrivava a mezûa
tûtti än vestiô e gh’an dëtô a cassà
destinæ paivan a morte segûa

Evviva sempre in tä stoia d’Italia
i garsônetti de çentômilla prêuve
prônti a cômbatte n’a nêuva battaglia
perchè dà leva dô nôvantenêuve

Quande cian cian sôn zônti a frôntæa
che paivan tanti zôenotti sciàtë
i bravi nonni l’an visti l’an visti vôentæa
e megiô che poeivan l’an sempre aggiûtë
Gh’ean de quelli ciûttostô bûrlôin
che pë insegnaghe a nôn aveì pôia
gh’e faxeivan côa bôcca ûn scigûô
che sômmegiava a n’arrivô in ferrovia
Quande i Cecchin än tentòü d’avansà
än trôvòü n’ossô dûo da rôzzigià
än vistô scritô: Se femmô accôppà
ma a ogni côstô nô devan passà.

Evviva sempre in tä stoia d’Italia
i garsônetti de çentômilla prêuve
prônti a cômbatte n’a nêuva battaglia
perchè dà leva dô nôvantenêuve

E quande in giôrnô ô Segnô ô l’ha vôsciûô
sôn tôrnë a casa sereni e côntenti
sôn tôrnë in paxe a vive in tô scûo
doppô aveì fætô battaglie e gran stenti
Sôn zà passë e cômpiô i çinquant’anni
e quanti säia’n i pochi scampë ?
sò sôlô che tanti sciorban malanni
pensciôin sôspian e sôn propriô scordë
nôiätri chi presenti a sciôsciantenêuvanni
gloria d’Italia pë sempre, e fôrtûnë
ringrassiemmô ô Segnô che i nostri malanni
ne lascian vive ancôn ben incamminæ

Evviva sempre in tä stoia d’Italia
i garsônetti de çentômilla prêuve
prônti a cômbatte n’a nêuva battaglia
perchè dà leva dô nôvantenêuve

Amixi cäi, vôì l’aviesci pensoù
che doppô tantô da tûtta l’Italia
ô garzônettô côscì ben bacchezöù
ô dava prêuva de tanta vitalia
Fanti, Artiglieri, Alpini e Mainè
Telefônisti,Ardìï e Bersaglieri
e vôì Pontieri côe barche e Genieri
dëme n’abrassô... se semmô incôntrè

Evviva sempre in tä stoia d’Italia
i garsônetti de çentômilla prêuve
prônti a cômbatte n’a nêuva battaglia
perchè dà leva dô nôvantenêuve

Nel lontano novecentodiciassette
il grande Cadorna chiamava questa classe
aveva cucito quel gran sette
che avrebbe fatto nemiche le magnasse
C'erano quelli che potevano passare
ma una parte non arrivava a mezzora
tutti hanno vestito ed è stata loro data la mestolata
destinati sembravano a morte certa

Evviva sempre nella storia d'Italia
i ragazzini delle centomila prove
pronti a combattere una nuova battaglia
perchè della leva del novantanove

Quando pian piano sono giunti alla frontiera
che sembravano tanti giovanotti agitati
i bravi nonni l'hanno visti l'anno visti volentieri
e meglio che potevano li hanno sempre aiutati
C'erano quelli piuttosto burloni
che per insegnar loro a non aver paura
gli facevano con la bocca un fischio
che assomigliava ad un arrivo in ferrovia
Quando i cecchini hanno tentato di avanzare
hanno trovato un osso duro da rosicchiare
hanno visto scritto: ci facciamo accoppare
ma ad ogni costo non devono passare

Evviva sempre nella storia d'Italia
i ragazzini delle centomila prove
pronti a combattere una nuova battaglia
perchè della leva del novantanove

E quando un giorno il Signore ha voluto
sono tornati a casa sereni e contenti
sono tornati in pace e vivere nell'oscurità
dopo aver fatto battaglie e grandi stenti
Sono già passati e compiuti i cinquant'anni
e quanti saranno i pochi sopravissuti?
so solo che tanti sopportano malanni
sospirano pensioni e hanno proprio dimenticato
noialtri che presenti a sessantanove anni
gloria d'Italia per sempre, e fortunati
ringraziamo il Signore perchè i nostri malanni
ci lasciano vivere ancora ben piantati

Evviva sempre nella storia d'Italia
i ragazzini delle centomila prove
pronti a combattere una nuova battaglia
perchè della leva del novantanove

Amici cari, voi l'avreste pensato
che dopo tanto da tutta l'Italia
il ragazzino così ben bacchettato
dava prova di tanta vitalità
Fanti, Artiglieri, Alpini e Marinai
Telefonisti, Arditi e Bersaglieri
e voi Pontieri con le barche e Genieri
datemi un abbraccio... ci siamo incontrati

Evviva sempre nella storia d'Italia
i ragazzini delle centomila prove
pronti a combattere una nuova battaglia
perchè della leva del novantanove