Print Friendly and PDF

VIN DÖÇE E CASTAGNE VINO DOLCE E CASTAGNE
Piero Bozzo Piero Bozzo
   

Amixi sciù vegnî vegnî in demôa
piggiæve ûn gotto netto e fæve avanti
gh'è o mosto sc-ciumezzante ch'o fa gôa
coraggio che ghe nè pe tutti quanti!

Impî o gottô vêuo e vêuè quello pin
e demmoghe drento aspettando a mattin.

Vin döçe e castagne balletti e rostie
e in po de rimpianto pe e ferie finie
chi ha persô n'amigo chi pensa a figeua
e i nostri battôsi commensan a schêua.

Addio lense, canne e bolentin
l'è tempo de sc-ciuppetta e cartuccea
de braghe de frustagnô e di scarpoin
pe andâ appostâse drento all'oxellea.

Vin döçe e castagne, faxen e pernixi
regalli d'ottôbre pe e çenn'e fra amixi
co-i pê sott'a-a toua se scaccia i malanni
se scerza e se rie se vive çent'anni.

Amici su venite venite in baldoria
prendetevi un bicchiere pulito e fatevi avanti
c’è il mosto schiumeggiante che fa gola
coraggio che c’è né per tutti quanti!

Riempite il bicchiere vuoto vuotate quello pieno
e diamoci dentro aspettando il mattino.

Vino dolce e castagne lessate e caldarroste
e un pò di rimpianto per le ferie finite
chi ha perso un’ amico chi pensa alla ragazza
e i nostri ragazzi cominciano la scuola.

Addio lenze, canne, e bolentini
e tempo di doppietta e cartuccera
di calzoni di frustanio e scarponi
per andare ad appostarsi dentro al capanno.

Vino dolce e castagne fagiani e pernici
regali d’ottobre per le cene con gli amici
con i piedi sotto il tavolo si scaccia i malanni
si scherza e si ride si vive cent’anni.