Print Friendly and PDF

ZENA GENOVA
Cardosa - Carbone Cardosa - Carbone
   

Zena te vôemô ben cômme n’a votta
anzi te vôemmô ben ancôn de ciù
Oûa che te ferià e che të maròtta
ï cian de zettô sôn fæti pë riempï
E têu ferìe sôn nostre in fûndô aô chêu
gh’è l’emmô l’ì, che semmô i têu figgêu

Te vôemmô vedde tûrnà règaggïa
e vôemmô vedde ô portô insemme a tï
in tûtta attivitë in armônia
ô nostrô amô ô te deve fä guarï
E quande ti tôrnie ben drita in pë
sêunnian tûtte e campann’e di sestë
din don din don
don, din don din don

T’an levoû via ben ô marsô
e ridente te fiôria,
tæ va bèn propriô d’incantô
anche senza e têu fèrïe
A portiemô sciù n’Oeginn’a
aô ballià cômme n’a votta
sangôinante doppô a lotta
te lì sempre n’a reginn’a
ti saiè in’eternite

Nô gh’è ciù d’aveì pôia da sirena
drentô aô rifûgiô nô gh’è ciù d’anda
ma se pensemmô a ti a nostra Zena
pensemmô a nostra grande mûtila-a
Ô sacrifiziô têu ô dôvia pesä
ô giôrnô c’andia tûtti in sciù càntä

E rifaiemô tûtto ciappe e pria
lan caô dôve stà u mêu a menn’a
a pë da San Frûttusô a Vôtri e sciù Accasêua
da-a Caignan, Pôrtoia e San Mattë
T’emmô pensôu côscì tantô lôntan
Madenn’a San Vinçenzô pë Sarzan
din don din don
pë din don din don

T’an levoû via ben ô marsô
e ridente te fiôria,
tæ va bèn propriô d’incantô
anche senza e têu fèrïe
A portiemô sciù n’Oeginn’a
aô ballià cômme n’a votta
sangôinante doppô a lotta
te lì sempre n’a reginn’a
ti saiè in’eternite

Genova ti vogliamo bene come una volta
anzi ti vogliamo bene ancor di più
ora che sei ferita sei malata
i piani di calcinacci son fatti per riempire
le tue ferite son nostre in fondo al cuore
le abbiamo lì, che siamo i tuoi ragazzi

Ti vogliamo vedere tornare gagliarda
e vogliamo vedere il porto insieme a te
in tutte le attività in armonia
il nostro amore ti deve far guarire
e quando tornerai ben dritta in piedi
suoneranno tutte le campane dei sestieri
din don din don
don, din don din don

Ti han tolto ben via il marcio
e ridente sei fiorita
ti va bene proprio d’incanto
anche senza le tue ferite
la porteremo su in Oregina
a balia come una volta
sanguinante dopo la lotta
sei lì sempre una regina
lo sarai in eternità

Non c’è più paura della sirena
dentro il rifugio non c’è più d’andare
ma se pensiamo a te nostra Genova
pensiamo alla nostra grande mutilata
il sacrificio tuo dovrà pesare
il giorno che andrà tutto sulla bilancia

E rifaremo tutto lastre e pietre
là in fondo dove sta il molo la marina
a piedi da S.Fruttuoso a Voltri e su all’Acquasola
da Carignano, Portoria e San Matteo
Ti abbiamo pensato così tanto lontano
Maddalena, San Vincenzo per Sarzano
din don
per din don din don

Ti han tolto ben via il marcio
e ridente sei fiorita
ti va bene proprio d’incanto
anche senza le tue ferite
la porteremo su in Oregina
a balia come una volta
sanguinante dopo la lotta
sei lì sempre una regina
lo sarai in eternità