Print Friendly and PDF

VENTÔ A TÆRA VENTO A TERRA
Anonimo Anonimo
   

Amië in pö che bella seïa
che bell’aia gh’è in sciu mä
se gh’avescimô n’a veia
se pôrieiva bôrdezzä

E stäsene aô timôn
côa scotta in mä
e andandô in mä
delôngô ciù lôntan

Quande in çë gh’è a lûnn’a pinn’a
sen’andemmô a barchezzà
sen’andemmô a barchezzà
pë ô ma da Fu-uxe

E ninnandôse in tô gôssô
na cansôn vôemmô cantä
na cansôn vôemmô cantä
ma sôttô vô-ôxe

E in sciô mä n’aietta finn’a
ca l’invitta amiä a lûnn’a
a cansôn ciù biricchinn’a
se gh’è ô ventô a spanteghiä

Se gh’è ô ventô a spanteghiä
in tûtte e di-re-ziôin
se gh’è ô ventô a spanteghiä
pë tûttô ô mä pë tûttô ô mä

Guardate un pò che bella sera
che bell’aria che c’è sul mare
se avessimo una vela
si potrebbe bordeggiare

E starsene al timone
con la scotta in mano
e andando in mare
sempre più lontano

Quando in cielo c’è la luna piena
ce ne andiamo a barcheggiare
ce ne andiamo a barcheggiare
per il mare della Foce

E dondolandoci nel gozzo
una canzone vogliamo cantare
una canzone vogliamo cantare
ma sottovoce

Sul mare un’arietta fine
che ci invita a guardare la luna
la canzone più birichina
se c’è vento la spargerà

Se c’è il vento la spargerà
in tutte le direzioni
se c’è il vento la spargerà
per tutto il mare per tutto il mare