Print Friendly and PDF

TUTTA BELLA A NOSTRA ZENA TUTTA BELLA LA NOSTRA GENOVA
Cuniolo - Lombezzi Cuniolo - Lombezzi
   

Quante veie lazzù in sce-o Tigûllio
son veie de Zena che a-o chêu voan dì:
o l’è bello o levante
o ponente o l’è ascì

Costezzando a rivea inebriante
de fiori e profûmmi a n’invita a cantà:
a bellessa da Sûperba
a Lanterna do mainà

Tûtta bella a nostra zena
la dai munti finn’a a-o mä
dä gexetta de Inoeginn’a
a-e villette zû d’Arbà
se da-o Righi ti ti veddi
tûtta Zena illûminà
l’emoscion a-o chêu te piggia
no t’ariesci ciù a parlä

Zena bella çittæ de San Zorzo
dë tò glorie se poemo avantà
da grandessa e a bellessa do porto
i tò barchi che van pe-o mä

Ma però pë n’à cobbietta
ch’a vò spremise in pittin
l’è ciù bella n’a crêuzetta
che Sanremo o Portufin

Quante crêuze a Zena e in rivea
son tûtte fiorie de rêuze e lillà
e crêuzette son stradette
fra due mûagge sciù in muntà

Da luntan quarche reo lampionetto
che a luxe discreta fastidio a no dà
ciocca ûn baxio ghe scometto
che a l’è lè a incomensà

Quante vele laggiù nel Tigulio
sono vele di Genova che al cuore vogliono dire
è bello il levante
il ponente lo è anche

Costeggiando la riviera inebriante
di fiori e profumi ci invita a cantare
la bellezza della superba
la lanterna del marinaio

Tutta bella la nostra Genova
là dai monti fino al mare
dalla chiesetta in Oregina
alle villette giù in Albaro
se dal Righi tu vedi
tutta Genova illuminata
l’emozione al cuore ti prende
e non riesci più a parlare

Genova bella città di San Giorgio
delle tue glorie ci possiamo vantare
della grandezza e bellezza del porto
delle tue navi che vanno per il mare

Ma però per una coppietta
che vuol spremersi un pochino
e più bello un viottolo
che San Remo o Portofino

Quanti viottoli a Genova e in riviera
son tutte fiorite di rose e lillà
i viottoli sono stradine
fra due muri e in salita

Da lontano qualche raro lampione
che la luce discreta fastidio non da
schiocca un bacio ci scommetto
che è lei ad incominciare