Print Friendly and PDF

TRANVAIETTI DA DOIA PICCOLI TRAM DELLA DORIA
Carbone - Margutti Carbone - Margutti
   

Gh’è stan streite sei pë fila
che pan tante gallinette
Gh’è dôe vegie rebecûcche
dôì sôrdatti e dôe gardette
Dappertûttô gh’è stivòù
de cacciôeì che van a Pròù

Gh’è dôì chen e de cavagne
di stagnoin e di bôlacchi
Me sballotan da mez’ôa
fra n’a serva e dôi o treì sacchi
lambrôcemmô a ciù nô pôeì
-Scûsæ donna nô veddeì?

Andemmô a Doia, Andemmô a Doia
l’ in te ûn cantô sei cacciôei
nô fan atrô che sbraggiä:
“A l’ëa quella de trë figgette
ch’a se missa a navegä”

-Mia Cillin, catta a fôgassa
-Ninte daziô
-Mà s’intende
Gh’è e bûgaixe in tô Besagnô
che sôn tûtte lì a destende
Quarchedûnn’a pë cangià
a s’è missa a ruxentà

Miæ gh’e semmô,a San Gottardô
- Giggiô fërma! Careghemmô
Gh’è ô garsôn dô Settegosci
che ô gh’a treì sacchi de brennô
- Seì appostô, ghe steæ ben?
Ghe stë megiô che a Staggen.
Andemmô a Doia, Andemmô a Doia

Menô male! Tre donnette
chinn’an zù pë Santô Zêuggiô
Mônta sciù ô leitä da Doia
côn de frasche e de l’öufêuggiô
Lambrûcemmô a ciù nô pôeì
- Scûsë ommô nô veddeì?
Ah l’è væa semmô a Natale
eccô sêunn’a zà a campann’a
Dërè a-ë vigne e ai erbôi secchi
spônta a gexia dë Môassann’a
Tranvaiettô, ti nô sæ
Donne, donne fêua i dinnæ

Ci stanno strette sei per fila
che sembrano tante galli nette
ci sono due vecchie bacucche
due soldati e due giovincelle
dappertutto c’è stivato
di cacciatori che vanno a Prato

Ci sono due cani e delle ceste
dei vasi di rame e dei pajuoli
mi sballottano da mezzora
fra una domestica e due o tre sacchi
dondoliamo a più non posso
“scusate donna non vedete”?

Andiamo alla Doria, andiamo alla Doria
lì in un angolo sei cacciatori
non fanno altro che gridare
“era quella delle tre ragazze
che si è messa a navigare”

-Guarda Cecilia compra la focaccia
-niente dazio
-ma si intende
ci sono le lavandaie nel Bisagno
che son tutte a stendere
qualcuna per cambiare
si è messa a risciacquare

Guardate ci siamo, a San Gottardo
-Luigi ferma! carichiamo
c’è il garzone di Settegosci
che ha tre sacchi di crusca
-Siete a posto? state bene?
state meglio che a Staglieno
andiamo alla Doria, andiamo alla Doria

Meno male! tre donnette
scendono giù per Sant’Eusebio
sale su il lattaio della Doria
con dei ramoscelli e dell’alloro
dondoliamo a più non posso
-scusate uomo, non vedete?
ah è vero, siamo a Natale
ecco suona già la campana
dietro alle vigne e agli alberi secchi
spunta la chiesa di Molassana
Tranvaietto non lo sai?
Donne, donne fuori i soldi