Print Friendly and PDF

TE PREGÔ MÔÆ TI PREGO MADRE
Luigi Guido Dellepiane Luigi Guido Dellepiane
   

In mez a n’albun de fôto vegie
fra quelle ch’ea figgiêu
gh’è n’è unn’a che mè strenzeiva
aô robin de më môæ

Mì ben ricordô a l’ea a primma
e trattegnivô ô sciòu
quella fôtografia che aiva pôia
de fame fà

Te pregô môæ ritôrna che g’ ho pôia
strenzime a tì cômme in fôtografia
se de lasciù ti senti e me parolle a me invôcasiôn
vegni armenô in sêugnô de tì ho besêugnô
vegnine a trôvà

Te pregô môæ questa a l’è a me preghiera
strenzime a tì cômme quand’ea piccin
se n’angeô ô vêu tûttô ô pêu
n’angeô t’è tì vegni da mì

E l’atra nêutte ti t’e vegnôa
e ti me accarezzou
ti me strenzeivi côn vôxe stanca
ti me anche parlou
Poi sce n’a nôvia insemme ai angei
t’e riturna lasciù
ma mi ripetô ancôn a me preghiera
môæ tûrna da mì

In mezzo ad un album di foto vecchie
fra quelle che ero ragazzo
c’è ne era una che mi stringevo
alla gonna di mia madre

Mi ricordo bene, era al prima
e trattenevo il fiato
quella fotografia che avevo paura
di farmi fare

Ti prego mamma ritorna che ho paura
stringimi a te come in fotografia
se da lassù senti le mie parole la mia invocazione
vieni almeno in sogno, di te ho bisogno
vienimi a trovare

Ti prego mamma questa è la mia preghiera
stringimi a te come quando ero piccino
se un angelo vuole, tutto può
un angelo sei te, vieni da me

E l’altra notte sei venuta
e mi hai accarezzato
mi stringevi e con voce stanca
mi hai parlato
poi su una nuvola insieme agli angeli
sei ritornata lassù
ma io ripeto ancora la mia preghiera
mamma torna da me