Print Friendly and PDF

STRAZETTI D'ARBÂ SENTIERI D'ALBARO
Margutti - Carbone Margutti - Carbone
   

D’uve sun tutti i strazetti
C’aiva fetu u bardasciamme
Quattru fighe du pan posu
E due fette de salamme

Duve sun tutti i me fiägni
Da sciancaghe in rappu d’uga

Duve sun e crose e i orti
C’ua tumata c’ua leitugä

Buccadase t’è arrestä
Sulu ti cumme in’a votta
Ghe vegnemu a fä a ribottä
Là dall’oste in faccia au mä
Nu cangiate tutta ti
Pê geoxie e arvië scûe
Ciôve neive o che derûe
T’arestië sempre cuscï

Se g’ andava c’oa pivella
P’ei sentë fæti dæ crave
Dere a-ë porte de villette
Ghea in recantu pe abrasase

Da niccetta a madunni-ña
Capitava spessu u caxiu

C’a finzesse de nu vedde
Qualche cubbia däse in baxiu

Buccadase t’e arresta
Sulu ti cumme in’a votta
Ghe vegnemu a fä a ribottä
Là dall’oste in faccia au mä
Nu cangiate tutta tï
C’ua tô spiaggia e l’erba cocca
C’ua tô unda c’a reciocca
E c’a batte sempre lï

Dove sono tutti i sentieri
che avevo fatto da ragazzo
quattro fichi del pane raffermo
e due fette di salame

Dove sono tutti i miei filari
da strappare un grappolo d’uva

Dove sono le viuzze e gli orti
con i pomodori e la lattuga

Boccadasse sei rimasta
solo te come una volta
ci verremo a far baldoria
là dall’oste in faccia al mare
non cambiare resta così
per gelosie le imposte scure
piova nevichi o diluvi
resterai sempre così

Si ci andava con la ragazzina
per i sentieri fatti dalle capre
dietro le porte delle villette
c’era un angolino per abbracciarsi

Dalla nicchietta la Madonnina
capitava spesso il caso

Che fingesse di non vedere
qualche coppia darsi un bacio

Boccadasse sei rimasta
solo te come una volta
ci verremo a far baldoria
là dall’oste in faccia al mare
non cambiare resta così
con la tua spiaggia e il muschio
con la tua onda che ribatte
e che sbatte sempre lì