Print Friendly and PDF

SERENATA A TRASTA SERENATA A TRASTA
Borgo Borgo
   

Spunta a lûnn’a l’asciù da-i trei frë
E-a rescë-a paisêtti e çitë
Che silensiô che regna in ti campi
Che poesia pè tûtti i galanti
Na chitàra se sente arpezzä
E i na vôxë a se sente luntan.....

Sensa barche e sensa mä
Quante l’e bellô ô nostrô canä
Nô gh’è nè portô nè spiagge nè bagni
Sôn tûtti boschi ville e fiagni
Rianelli d’ægôa sappe e rastelli
Mûggi de fen e canti d’oxelli
Quande in scià sèia ô ruscignêu
O gôrgheggia an modô cô rallegra ô chêu

Oua a lun’a a tramônta ai bigë
Se fa scûo e i prôei sôn bagnë
Dä ruzä che lì a cazze cianin
E-ä rinfresca i campi ä mattin

Oua a chitàra a se sente cian cian
E i n’a vuxë a se perde luntan

Sensa barche e sensa mä
Quante l’e bellô ô nostrô canä
Nô gh’è nè portô nè spiagge nè bagni
Sôn tûtti boschi ville e fiagni
Rianelli d’ægôa sappe e rastelli
Mûggi de fen e canti d’oxelli
Quande in scià sèia ô ruscignêu
O gôrgheggia an modô cô rallegra ô chêu

Spunta la luna lassù dai tre fratelli
e rischiara paesetti e città
che silenzio che regna nei campi
che poesia per tutti i fidanzati
Una chitarra si sente arpeggiare
e una voce si sente lontano

Senza barche senza mare
quant’è bello il nostro canale
non c’è né porto né spiaggia né bagni
sono tutti boschi ville e filari
ruscelletti d’acqua zappe e rastrelli
mucchi di fieno e canti d’uccelli
quando alla sera l’usignolo
gorgheggia a modo che rallegra il cuore

Ora la luna tramonta ai Bige
si fa buio e i prati son bagnati
dalla rugiada che cade pianino
e rinfresca i campi al mattino

Ora la chitarra si sente pian piano
e la voce si perde lontano

Senza barche senza mare
quant’è bello il nostro canale
non c’è né porto né spiaggia né bagni
sono tutti boschi ville e filari
ruscelletti d’acqua zappe e rastrelli
mucchi di fieno e canti d’uccelli
quando alla sera l’usignolo
gorgheggia a modo che rallegra il cuore