Print Friendly and PDF

SEIANN'A ZENEIZE SERATA GENOVESE
Luigi Guido Dellepiane Luigi Guido Dellepiane
   

L’äia a s’è fæta fresca
l’è andætô sôtta ô sü
a seia a s’avvixinn’a
e gh’è za menô fô

Cômme in lummin aççeisô
là sôvia a-i treì fræ
gh’è un quartin de lunn’a
se illumina a çittæ

Cômme l’è bellô andà
de seia a passeggià
doppô aveì fætô n’a giôrnà de laôu
ô l’è ô mômentô ciù dexiderôu

Se fôrma a cômpagnia
assemme se và a giä
all’Accasêua o pure lungô ô mä
o in Cannettô da-ô Tugni a cantà

Ormai s’è fætô nêutte
l’è l’ôa de rientrà
besêugna ripusase
dôman gh’è da louà

Ma poi a stessa ôa
ancôn se ritrôvià
i soliti amixi
pë andà de seia a giä

L’aria si è fatta fresca
è tramontato il sole
la sera si avvicina
e c’è già meno rumore

Come un lumino acceso
là sopra i Tre Fratelli
c’è un quartino di luna
si illumina la città

Come è bello andare
di sera a passeggiare
dopo aver fatto un giorno di lavoro
è il momento più desiderato

Si forma la compagnia
assieme si va a girare
All’Acquasola oppure lungo il mare
o in Canneto da“Antonio” a cantare

Ormai si è fatto notte
è l’ora di rientrare
bisogna riposare
domani c’è da lavorare

Ma poi alla stessa ora
ancora si ritroverà
i soliti amici
per andare di sera a girare