Print Friendly and PDF

RONDANINN'E IN SCIO-O BARCON RONDINI SULLA FINESTRA
Luigi Guido Dellepiane Luigi Guido Dellepiane
   

Puntin neigri lasciù in çë
çinguettandô s’avvixinn’an
propriô chì n’sciù mæ barcôn
s’è pösoù na rôndaninn’a

Chissà cômme a saià stanca
chissa d’ônde a ne vegniä
nô mazzardô ciù a mesciâme
nô-a vôrrieva spaventä

Rôndaninn’a ti çerchi ô têu niô
ma nô sò se ancôn ti ô trôviæ
perchè l’ommô ô l’è egoista
e in ti boschi ô gh’à fætô a çittæ

In scï teiti nô fûmma i camin
ma de antenne invece gh’è pin
mi vôrrieva côn ô chêu aggiùttâte
aggiùttâte ô têu niô a trôvä

Doppô in pö de cônfuxiôn
se rifôrma ô carrosellô
ti, ti resti in sciô barcôn
nô ti sæ ciù cose fä

Tantô e atre s’allôntann’an
nô te pêuan ciù aspetä
fassô finta de piggiâte
e t’amiô andä lôntan

Punti neri lassù in cielo
cinguettando si avvicinano
proprio qui sulla mia finestra
si è posata una rondine

Chissà come sarà stanca
chissà da dove verrà
non mi azzardo più a muovermi
non la vorrei spaventare

Rondine cerchi il tuo nido
ma non so se ancora lo troverai
perché l’uomo è egoista
e nei boschi ha fatto città

Sopra i tetti non fumano camini
ma di antenne invece c’è pieno
io vorrei col cuore aiutarti
aiutarti il tuo nido a trovare

Dopo un po di confusione
si riforma il carosello
e te resti sulla finestra
non sai più cosa fare

Tanto le altre si allontanano
non ti possono più aspettare
faccio finta di acchiapparti
e ti guardo andare lontano