Print Friendly and PDF

O TRENIN DE CASELLA IL TRENINO DI CASELLA
Burani - Bo Burani - Bo
   

Filla “ Trenin de Casella “
fra o verde di monti,
fra i paixi incantâe!…

Pâ finn-a a vitta ciù bella
respiando quest’aia,
lontan da cittâe!….

Ho chì a chitara con mì
anche a so fisa o Tognin
e in te l’accordo se issa
o coro da gente ch’a stiva o trenin….

Lascio a Zena
tutte e lagne,
chì armeno rescioase se pêu,
parle a gente de lasagne,
de salamme, vin gianco e raiêu!…
scigoa o treno e o se issa
sciù pé valli e ville fiorie,
gh’è chi canta, chi sêunna e chi rie!…
e filla o trenin….o trenin….!

Chinn-a o trenin verso Zena,
se lascia Casella, se torna a Manin…..
Doppo ‘na gita serena,
purtroppo se pensa:
— doman... Lunedì!

Sitta a chitara a l’è lì
ma me conforta o Tognin,
che con o sêunno da fisa
o canta: “ Fra sette giornâe semmo chì”

Fila il trenino di Casella
fra il verde dei monti
fra i paesi incantati

Sembra perfino la vita più bella
respirando quest’aria
lontano dalla città

Ho qui la chitarra con me
anche la sua fisarmonica Antonio
e nell’accordo si alza
il coro della gente che riempie il trenino

lascio a Genova
tutte le lagne
qui almeno rilassarsi si può
parla la gente di lasagne
di salame vin bianco e ravioli
fischia il treno e si alza
su per valli e ville fiorite
c’è chi canta chi suona chi ride
e fila il trenino, il trenino

Scende il treno verso Genova
si lascia Casella si torna a Manin
Dopo una gita serena
purtroppo si pensa:
domani è Lunedì

Zitta la chitarra è lì
ma mi conforta Antonio
che con il suono della fisarmonica
canta: “Fra sette giorni saremo qui”