Print Friendly and PDF

O TEMPO DELL'UGA IL TEMPO DELL'UVA
Anonimo Anonimo
   

L’è bellô ritrôvase chì’n campagna
doppô ëse stæti insemme ûn meize a-ô mä
purtroppô semmô ä fin da gran cuccagna
e fitô zù’n çittæ se ritôrniä
ma intantô incamminemôse in ta vigna
e andemmô sôli sôli a vendemmià

Ûn’axinella a tì
ûn’axinella a mì
e ascôzi sôtta ai pampani
se demmô dôi baxin

Che paxe stä côscì
tra i fiagni insemme a tì
e vedde ô sü riflèttise
dai veddri di barcôin

Scordemmôse ûn pittin che n’ätrô meize
dôviemô a terza media incômençà
a-ô diaô a matematica, ô françeize
pë aôa côntinôemmô a pelluccà

Ûn’axinella a tì
ûn’axinella a mì
e ô rappô ô demmô a-ô Prescide
ch’ô l’è in campagna chì

Ûn’axinella a tì
ûn’axinella a mì
mïa ûn pö cômme l’è façile
a fä l’amü côscì

Ûn’axinella a tì
ûn’axinella a mì
l’è stupidô, ma splendidô
a fä l’amü côscì

È bello ritrovarsi qui in campagna
dopo essere stati insieme un mese al mare
purtroppo siamo alla fine della grande cuccagna
e presto giù in città si ritornerà
ma intanto incamminiamoci nel vigneto
e andiamo soli soli a vendemmiare

Un acino a te
un acino a me
e nascosti sotto i pampani
ci diamo due bacini

Che pace rimanere così
tra i filari insieme a te
a vedere il sole riflettersi
sui vetri delle finestre

Dimentichiamoci per un attimo che il prossimo mese
dovremo la terza media incominciare
al diavolo la matematica, il francese
per adesso continuiamo a spizzicare

Un acino a te
un acino a me
e il raspo lo diamo al preside
che è qui in campagna

Un acino a te
un acino a me
guarda un po' com'è facile
fare l'amore così

Un acino a te
un acino a me
è stupido, ma splendido
fare l'amore così