Print Friendly and PDF

OSTAIE OSTERIE
Alemanno - Piccolo Alemanno - Piccolo
   

Sei mai stæti in te n’ostaia
vegie tòue misse abbrettiô
a-ô padrôn gh’è caô stä in mezô a gente

Gente vëgia che in ti êuggi
ti ghe lezi cos’han in tô chêu
gh’è basta quarche gottô
e ritôrnan di figgêu

Ostaie de n’a vòtta
pocô a pocô ve ne anæ
portæ via daô ciûmentô
de’sta nova sôcietæ
che in nômme dô prôgressô
a vêu tûttô rinnovâ
ma çerte cose nô se poan tôccâ

Gh’è in vegettô côn a pippa
ch’ô te cônta mille votte
a stessa stoia de quande in Giappôn
ô dôveiva spôzâ a principessa

In tè’n cantô n’a chitara
che da tempô a lè lì abbandônâ
a l’aspeta in atrô “Rêua”
che mai ciù ô pôriâ tôrnâ

Ostaie de n’a vòtta
pocô a pocô ve ne anæ
portæ via daô ciûmentô
de’sta nova sôcietæ
e quande archeologia
tûtte e ostaie ormai saian
i vegi che g’arrestan dôve anian?

Siete mai stati in un’osteria
vecchie tavole messe sparse
il padrone sta in mezzo alla gente

Gente vecchia che negli occhi
vi leggi cosa hanno nel cuore
gli basta qualche bicchiere
e ritornano ragazzi

Osterie di una volta
poco a poco ve ne andate
portate via dal cemento
di sta nuova società
che in nome del progresso
vuole tutto rinnovare
ma certe cose non si possono toccare

C’è un vecchietto con la pipa
che ti racconta mille volte
la stessa storia di quando in Giappone
doveva sposare la principessa

In un angolo una chitarra
che da tempo è abbandonata
aspetta un altro “Ruota”
che mai più potrà tornare

Osterie di una volta
poco a poco ve ne andate
portate via dal cemento
di sta nuova società
e quando archeologia
tutte le osterie ormai saranno
i vecchi che rimangono dove andranno?