Print Friendly and PDF

O RICÓRDO IL RICORDO
Anonimo Anonimo
   

Passandô l’atra seia in sôttô ria
in mezô a tanta gente invexenda
ho vistô n’a vegetta cà vegnia
versô de mì côn aia in po ascôrdà

Ho sentiô in mômentin de smarrimentô
n’a vôxe a môrmôrava in têu mæ chêu
l’ho fermà in sciô mômentô
e a ma ditô: cose vôeì bellô figgiêu?

Vôì me ricordë tante cose belle
che ô tempô ô l’haia zà cancelloù
ma aoa mei adesciôu in sentimentô
cô sea za assôpiô in têu me chêu

Vôì me ricordë in po mæ muæ
che a m’ha lasciôu quand’eô ancôn figgiêu
de veddive m’ha fætô ben aô chêu
grazie, Scuzè se ve ciammô muæ

Passando l’altra sera in Sottoripa
in mezzo a tanta gente indaffarata
ho visto una vecchietta che veniva
verso di me con aria un po stralunata

Ho sentito un momento di smarrimento
una voce mormorava nel mio cuore
l’ho fermata sul momento
e mi ha detto: cosa vuoi bel ragazzo?

Voi mi ricordate tante cose belle
che il tempo aveva già cancellato
ma ora mi avete risvegliato un sentimento
che si era già assopito nel mio cuore

Voi mi ricordate un po mia madre
che mi ha lasciato quando ero bambino
di vedervi mi ha fatto bene al cuore
grazie, scusate se vi ho chiamato mamma