Print Friendly and PDF

O GIO DA VITTA IL GIRO DELLA VITA
Rovere - Bozzo - Dodero Rovere - Bozzo - Dodero
   

L’atra notte ho fætô in sêugnô — in pö stranô in më veitæ
Me sôn ritrôvoù piccin — in te brasse de me môe
Quande eô rouzô lì in ta chinn’a
A cantava cian cianin —côn l’amôza sö pasciôn
Questa dôse sö cansôn

Fa a nannà pôpôn de pessa, che tò môe a l’è andæta a messa
E tò puæ ô gh’è andetô ascì, chì côn ti gh’è sôn ciù mì!

Fætô poi in po ciù grande — doppô a schêua gh’èa a demôa
E ciu tardi me n’andavô — a fà i servixi a n’a scignôa
M’avansava ancôn dô tempô — pe fa a guæra cô-i figgêu
Quande gh’aimô piggioù ô fossô — se criava a ciù nô possô

Emmô fætô un’a battaglia, l’emmô vinta in sciä giæâ
I nemixi cô-a bandea, l’emmô missi a priônè
Vegni a quattrô a quattrô, scibben che gh’ei ô baccô
Vegni a ottô a ottô, scibben che gh’ei ô sccieûppô

L’è vegniö l’etæ ciù bella — che bellessa aveì vint’anni
Tuttô ô môndô ô paiva ô nostrô, pin de gioie e ninte affanni
Gh’ea ô pensierô andà a surdattô, cose importa n’a demôa
Spensierë côn allegria, se cantava andandô via

E sà cianze a l’à raxiôn, perchè a l’è vegia,perchè a l’è vegia,
E sà cianze a l’à raxiôn, perchè a l’è vegia, e a nô gh’a ciù bôn
Addio mia bella addio, che l’armata se ne và,
E se non partissi anch’io sarebbe una viltà

L’è passou zä tantô tempô, tantô ch’è a giôrnä d’anch’êu
Me ritrôvô a ese nonnô, de dui bêlli e cai figgiêu
E sôn chì vixin a chinn’a, dôve ô dorme ô ciù piccin
Ch’è ghe cantô côn pasciôn, quell’antiga me cansôn

Fa a nannà pôpôn de pessa, che tò môe a l’è andæta a messa
E tò puæ ô gh’è andetô ascì, ma... Tò nonnô o l’è côn tì

L'altra notte ho fatto un sogno, un po' strano in verità
mi sono ritrovato piccolo, fra le braccia di mi a madre
quando ero addormentato li nella culla
cantava pian pianino, con la sua amorosa passione
questa dolce sua canzone

Fa la nanna bimbo di stoffa, che tua mamma è andata a messa
e tuo papà è andato anche lui, qui con te ci sono più solo io!

Poi diventato un po' più grande, dopo la scuola c'erano i divertimenti
e più tardi andavo a fare i servizi ad una signora
mi avanzava ancora tempo per fare alla guerra con i ragazzi
quando ne avevamo il fossato, si gridava a più non posso

Abbiamo fatto una battaglia, l'abbiamo vinta sul torrente
i nemici con la bandiera li abbiamo presi a pietrate
venite a quattro per volta, sebbene abbiate il bastone
venite a otto per volta, sebbene abbiatte il fucile

E'arrivata l'età più bella, che bellezza avere vent'anni
tutto il mondo pareva nostro, pieni di gioie e senza preoccupazioni
C'era il pensiero di partire per il militare, cosa importa un gioco
spensierati con allegria, si cantava andando via

E se piange ha ragione, perchè è vecchia, perchè è vecchia
e se piange ha ragione, perchè è vecchia e non ha più buono
Addio mia bella addio, che l’armata se ne và,
E se non partissi anch’io sarebbe una viltà

E' già passato tanto tempo, tanto che al giorno d'oggi
mi ritrovo essere nonno di due belli e cari ragazzi
e sono qui vicino alla culla dove dorme il più piccolo
che gli canto con passione quell'antica mia canzone

Fa la nanna bimbo di stoffa, che tua mamma è andata a messa
e tuo papà è andato anche lui, ma... tuo nonno è con te