Print Friendly and PDF

O DIALETTO IL DIALETTO
Luigi Guido Dellepiane Luigi Guido Dellepiane
   

Vôrrie cantä pè quelli zeneixi
che sôn de Zena ma nô san dì çeixei
che sôn nasciûi magari a Prä
ma ô zeneize nô san parlä
quarche parolla pë poeighe dï
che ô zeneize ô nô deve môï

Ve ricordæ ô Scialla Scialla
quande a zia gh’è dimô Lalla
A-ô nonnô gh’è dimô anche Messë
gh’ea L’amôlitta, passava ô Strassë
A-ô falegnamme dimô Bancä
nô dimô ruggiada benscì Rôzä
all’ôa l’idraulico ô l’ea ô Stagnin
a-i netturbini gh’e dimô Spassin

Ô l’è tantô bellô ô nostrô dialettô
e ricordemôlô côn tantô affettô
femmôlô sentì ai nostri figgêu
che cômme niatri l’aggian a chêu
perche nô diggan italianizzoù
abellinato chêu dï abellinoù

Ti mæ de puì nô dixe a gente
quante parolle ciù nô se sente
n’à cosa Insa, a Macchinicca
zûgä a Lêua, zûgä a Lippa
tiaela cô Spagô, ô Ferruggiä
ô Ghirindôn, e ô Cantä
ëse in t’e Canne, ô Perigôrdin

Ma i zeneixi grendi e piccin
sperô che diggan sempre: Belin!

Vorrei cantare per quei genovesi
che sono di Genova ma non sanno pronunciare ceci
che sono nati magari a Pra
ma il genovese non lo sanno parlare
qualche parola per poter dire loro
che il genovese non deve morire

Vi ricordate lo "Sciaalla Scialla"
quando per chiamare la zia dicevamo "lalla"
il nonno lo chiamavamo anche "Messe"
c'era l'arrotino, passava lo straccivendolo
il faegname lo chiamavamo "bancä"
non dicevamo ruggiada bensì "rozä"
allora l'idraulico era lo "stagnin"
e i netturbini li chiamavamo "spassin"

E' tanto bello il nostro dialetto
e ricordiamolo con tanto affetto
facciamolo ascoltare ai nostri ragazzi
che come noi lo tengano nel cuore
affinché non lo pronuncino italianizzato
abellinato che vuol dire "stolto"

Tu, mio, di qui, non dicono le persone
quante parole più non si sentono
una cosa iniziata, il freno dei carri
giocare a nascondino, giocare alla lippa
tiratela con lo spago, il chiavistello
il comodino da notte e la stadera
essere nei guai, il ballo perigordino

Ma i genovesi adulti e piccoli
spero che dicano sempre: Belin!