Print Friendly and PDF

OH ZENA ZENA OH GENOVA GENOVA
Bozzo - Dodero Bozzo - Dodero
   

Zena, t’è tutta in giardin,sciù pe-a collinn’a
mentre a-o battizze do mä t’è n’offiçinn’a
Mille vapori che van, mille che vègnan
O gran ravaxo u l’inâja, ma poi verso seia
se sente cantà:

Oh Zena Zena bella, bella da-i monti a-o mä
nisciun sà dì è parolle pë poêite decantà

Gexe, palassi antighi, moderni grattaçè
e gente che travaggian, in scagno, in porto
e drento a-i ciantë

Incanto pë chi ghe vive, tormento de chì è lontan

Oh Zena Zena bella, te o dixe anche i foestè
quande lasciù da-o Righi te veddan tutta
luxì sutta a-o çë

Bello l’è amiate a mattin den’scià terrassa
mentre n’te l’aia gh’è odü bon de figassa
Quante profummi nostræ de roba sann’a
e pë chi vô fà in bon pasto gh’è e troffie cû pesto
e o vin dë Conä

Vegnì vegnì foresti a vêdde sta çittæ
ricca de gloria antiga e de galantommi
da tu-utti stimme
Ricca de gloria antiga e de galantommi
da tu-utti stimme

Genova, sei tutta un giardino, su per la collina
mentre dove s'infrange il mare sei un'officina
Mille barche a vapore che vanno, mille che vengono
Il grande trambusto sbalordisce, ma poi verso sera
si sente cantare:

Oh Genova Genova bella, bella dai monti al mare
nessuno sa dire le parole per poterti elogiare

Chiese, palazzi antichi, moderni grattacieli
e persone che lavorano, in banca, nel porto
e dentro i cantieri

Incanto per chi ci vive, tormento di chi è lontano

Oh Genova Genova bella, te lo dicono anche i forestieri
quando lassù da Righi ti vedono tutta
risplendere sotto al cielo

Bello è guardarti la mattina dalla terrazza
mentre nell'aria c'è odore buono di focaccia
Quanti profumi nostrani di roba genuina
e per chi vuol fare un buon pasto ci sono le troffie col pesto
e il vino di Coronata

Venite venite forestieri a vedere questa città
ricca di gloria antica e di gentiluomini
da tutti stimati
ricca di gloria antica e di gentiluomini
da tutti stimati