Print Friendly and PDF

NÔTTE DE LUNN'A NOTTE DI LUNA
Sergio Vaccari Sergio Vaccari
   

L’èa na nôtte de lunn’a pinn’a
n’a nôtte bella ciaêa côscì
tuttô d’argentô luxiva ô mä

Pe-a primma votta mi l’aspetavô
cô gùssô in ægôa prôntô a sarpà
ma in te l’atteisa quanta anscietæ

Poi zù da liggia in reciammô
due brasse teise in sôrrisô
e in baxiô da sentise in paradisô

Nôtte de lunn’a
nôtte d’amö
te portô in chêu
nô t’ho pusciô-u ciù scôrdä

Nôtte de lunn’a
sôn ancôn chì
ch’u gùssô in mä
sensa nisciôn d’aspetä

Voggiô sentï
l’ægôa cantä
attôrnô a chiggia
cianin cianin
quella cansôn
ch’a nh’a ninnòu
scinn’a a mattin

Nôtte de lunn’a famme scôrdà
Nôtte de lunn’a famme guarì
Mi te prômettô de ritôrna
sôlô pe pôeite côntemplà

Era una notte di luna piena
una notte bella chiara così
tutto d’argento luccicava il mare

Per la prima volta io l’aspettavo
con il gozzo in acqua pronto a salpare
ma nell’attesa quanta ansietà

Poi giù dalla discesa un richiamo
due braccia tese un sorriso
un bacio da sentirsi in paradiso

Notte di luna
notte d’amore
ti porto in cuore
non ti ho potuto più scordare

Notte di luna
sono ancora qui
col gozzo in mare
senza nessuno d’aspettare

Voglio sentire
l’acqua cantare
attorno alla chiglia
pianino pianino
quella canzone
che ci ha cullato
sino al mattino

Notte di luna fammi scordare
notte di luna fammi guarire
io ti prometto di ritornare
solo per poterti contemplare